“L’Artique: La nouvelle frontière”, CNRS Editions, novembre 2014, sotto la direzione di Michel Foucher, con la partecipazione di geografi, politologi, strateghi e giuristi

Nell’Artico, il riscaldamento del clima e il ritiro della banchisa annunciano l’affiorare di risorse e opportunità insperate che pongono gli stati limitrofi – Russia, Canada, Stati Uniti, Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia e Islanda – di fronte ad una serie di sfide economiche e strategiche. Le rivendicazioni nazionali sulle placche continentali, sui ricchi fondali marini o sui famosi passaggi a nord-ovest e a nord-est ravvivano numerose controversie. Queste ultime riguardano più delle potenzialità che delle realtà provate di risorse sfruttabili, ma sono già al centro di forti tensioni e di conflitti di sovranità. Quest’opera realizzata sotto la direzione di Michel Foucher, a cui hanno partecipato geografi, politologi, strateghi e giuristi, è dedicata all’analisi dei profondi sconvolgimenti in corso o futuri.